cartone ondulato

Aumenti della carta: le cause

Scarsità di carta, crisi del sistema logistico internazionale, alzamento dei prezzi dell'energia elettrica. Sono queste le cause principali degli aumenti della carta registrati nel 2021, di cui ancora subiamo le conseguenze. In questo articolo le analizziamo nel dettaglio, offrendo un focus sul settore del cartone ondulato per gli imballaggi.

Dalla fine del 2020 gli aumenti di carta e in generale delle materie prime hanno iniziato a farsi sentire per aziende e consumatori finali. Confindustria parla addirittura di un aumento “ampio e diffuso”.

Noi di NakPack ci occupiamo di imballaggi in cartone per la spedizione di bottiglie, e ci sentiamo rivolgere ogni giorno la stessa domanda:

Quali sono le cause degli aumenti della carta? Cosa ha generato la mancanza di materia prima negli ultimi mesi del 2021?

In questo articolo cercheremo di rispondere, offrendo uno spaccato della situazione nella quale riversano le aziende che si occupano in particolare di imballaggi in cartone ondulato.

Le cause degli aumenti della carta

La domanda di carta e il blocco delle logistiche

Tutto è partito con la pandemia e le restrizioni alle attività commerciali, che hanno portato alla chiusura di molte cartiere. Nel frattempo, quelle rimaste attive hanno dovuto far fronte da sole alla grandissima richiesta di imballaggi per e-commerce.

👉 Si avvertono i primi segnali di scarsità di prodotti in carta.

La ripresa delle attività economiche ha scombussolato anche il settore della logistica che, si sa, non è sufficientemente flessibile per questi repentini cambi di rotta. E proprio quando le logistiche si stavano adattando alla nuova domanda “da lock-down”, ecco che i governi di tutto il mondo iniziano ad annunciare la ripresa delle attività economiche, mettendo di nuovo in discussione l’assetto organizzativo. A questo clima di instabilità vanno sommate le restrizioni imposte a navi e porti.

👉 Iniziano ad accumularsi i primi ritardi nelle filiere logistiche internazionali.

Nel frattempo le nuove abitudini dei consumatori si stanno consolidando. Gli e-commerce continuano a crescere e con essi la domanda di imballaggi per spedizioni, che diventano sempre più difficili da reperire. Ad influenzare negativamente ci sono anche le condizioni contrattuali imposte ai fornitori da colossi come Amazon, che riescono ad assicurarsi l’approvvigionamento di (quasi) tutta la carta in circolazione.

👉 La richiesta di carta aumenta a dismisura nel corso del 2021, e l’offerta non riesce a soddisfare la domanda.

L’energia

L’altra fondamentale conseguenza della ripresa delle attività economiche, è stato il repentino aumento di richiesta di gas naturale. Secondo Confindustria , negli ultimi mesi del 2021 in Europa c’è stato del +723%. In Italia, dove circa il 45% dell’elettricità è prodotta con il gas (il doppio rispetto alla media europea), il costo dell’energia è passato dagli 8 miliardi del 2019 ai 37 miliardi del 2022.

👉 Gli aumenti spropositati del costo dell’energia si riversano inevitabilmente sulla produzione di carta, settore energivoro per eccellenza.

Riassumendo: cosa ha generato gli aumenti della carta

Il boom di richieste di carta, unitamente ai problemi logistici ed al rincaro dei costi dell’energia, ha generato da una parte scarsità di materia prima, e dall’altra aumento dei prezzi.

👉 Gli aumenti spropositati del costo dell’energia si riversano inevitabilmente sulla produzione di carta, settore energivoro per eccellenza.

Assocarta ha registrato nel 2021 aumenti della carta del 70% rispetto al 2020.

Un focus sugli imballaggi in cartone ondulato

Il discorso si fa ancora più complesso quando si tratta di imballaggi in cartone, creati a partire dall’assemblaggio di diverse tipologie di carta.

Nel caso specifico del cartone ondulato, la Borsa Merci di Milano parla di un aumento medio delle singole tipologie di carta del 69,02% nel 2021.

Bisogna poi sempre considerare l’energia, necessaria per la produzione delle carte appena citate, per la loro trasformazione in cartone, e ancora per la produzione dell’imballaggio finale.

Questo mix di aumento delle materie prime e dell’energia, ha generato quasi un raddoppiamento nel 2021 del costo di finale di produzione di un imballaggio in cartone ondulato

Prospettive

Qual è dunque il destino della carta? Non ci sentiamo di dare una risposta, talmente tante sono le variabili in campo. Possiamo solo dire che per parlare di inversione di tendenza, dovremo ancora attendere un po’.

Condividi questo articolo

Ti è piaciuto questo articolo? Se vuoi fallo conoscere ai tuoi contatti Social. Condividilo ora!

Facebook
Twitter
LinkedIn
Credit photo Roberto Sorin

Leave a Reply